Biography

Il progetto ATPRODUCTION nasce durante una chiaccherata di fronte al mare insieme ad una amica, essenzialmente come passatempo e sperimentazione attraverso il video, diventando in seguito un vero e proprio mestiere, una passione, un hobby, una ragione di esprimersi.

Ambra Lunardi cresce respirando musica, cinema e pittura, grazie all’ambiente familiare in cui vive. Sperimenta, durante la propria carriera scolastica, l’approccio a diversi settori, tutti legati all’ambiente artistico/cinematografico, dalla creazione di fumetti e illustrazioni attraverso la frequentazione della Scuola Internazionale di Comics di Firenze, allo studio e progettazione di costumi teatrali fino ad approdare al corso di Cinema Musica e Teatro, sotto la facoltà di Lettere dell’Università di Pisa, con specializzazione in Cinema ed Immagine Elettronica. Assetata di novità e sperimentazione continua, integra gli studi teorici con corsi pratici di regia e montaggio e tirocini (uno su tutti lo stage tenuto da Robert Cahen nel 2004 a Livorno in occasione del “BloomsDay”) ed inizia a lavorare nello studio fotografico “Foto Novi” come operatore video e montatore di eventi. Nel 2005 vince la “Biennale dei Giovani Artisti dell’Europa e del Mediterraneo” con il video dal titolo “Immagini”, partecipa a varie Manifestazioni e Videoistallazioni come la “Biennale del Cinema per la Pace” con il video “B/N”. Nel 2006 con il video “21st century boy” per i BadLoveExperience inaugura un dirottamento e una nuova sfida che la porta dalla videoistallazione al videoclip musicale. Il video riscuote un discreto successo, viene proiettato in rotazione su sky e rocktv, e la canzone viene scelta per far parte della colonna sonora del film “La prima cosa bella” di Paolo Virzì e candidata ai David di Donatello come “Miglior canzone”. Seguiranno videoclip e collaborazioni con numerosi gruppi musicali come The Sweat, Jackie O’s Farm, Silvereight,Mandrake,Piccolini Animali Senza Espressione,Delirememami,Breakout Division, Una Pura Formalità, Eclettica, i veneziani MyFirstSeconds e BIMBO, il cui video “Non ho voglia di far niente” viene promosso in anteprima da RollingStone Magazine. Contemporaneamente collabora con un video dal titolo “Anymore” al Duchenne Music Project, per aiutare i bambini affetti dalla distrofia di Duchenne ed entra a far parte del settore marketing dell’azienda General Electric come “Video Specialist in Marketing Communication” con responsabilità della gestione e realizzazione video e comunicazione e si ccupa della documentazione video della manifestazione musicale “Premio Ciampi”. Nello stesso anno entra a far parte del gruppo Promotre come operatore video di Convention ed eventi inerenti alla cura della bellezza e del corpo e collabora con VIDEOTAPE, team formato ispirandosi al progetto “From the Basement” dove ha ruolo di operatore e montatore. Si occupa della cura del backstage del film “I più grandi di tutti” di Carlo Virzì,uscito  nelle sale cinematografiche nel 2012 e del video di Bobo Rondelli “Un bimbo sul leone” con la regia di Annapaola Martin, come secondo operatore nel 2013.

Il 2014 inizia con una importante collaborazione: prepara  una serie di video tutorial per l’azienda Cellini Caffè, continuando a collaborare con l’azienda Promotre.

Nel 2015 vince il concorso cittadino Livorno Music Awards per la categoria videclip con “Ghost in me” dei Mandrake, che viene selezionato anche nella categoria best video per il concorso Fenavid, Festival International De Cine Santa Cruz, mentre il secondo video della band, “Two yung Lovers” diventa manifesto della campagna Indie Pride, a sostegno dell’abolizione dell’omofobia.

Realizza “Fra cent’anni” videoclip per la band Sinfonico Honolulu, collabora con Biffers, Bad Love Experience, RU FUS,  NU, Ed Laurie, Paul Cullen e realizza il primo video estratto dal nuovo album di Nada Malanima dal titolo “La bestia”, a cui seguiranno “Pioggia di sale”, “L’estate sul mare” e “All’aria aperta”.

Durante il bienno 2016/2017 continua la sua attività principalmente sul lavoro di videoclip musicali lavorando per Supradeen, Erezed, PASE, Stato Brado, Eleonora Biancani, Dimitri Cappagli e molti altri.

Nel 2018 si classifica al secondo posto del concorso “Toscana in spot, contro la violenza di genere” indetto dal Corecom Regione Toscana, con il video “Laura”.

 

Lascia un Commento